Logo du site
Calliope | Università di Corsica
Digénis Akritas  |

Textes et traductions

Extraits de l'épopée adaptés et interprétés par Patrizia Gattaceca

 

1-Le lodi (Italien)
 

Ecco le lodi delle gesta, i trionfi
Di Basilio Akrita tre volte beato,
Di quell’uomo così nobile e valoroso
Di lui che da Dio ebbe in dono la forza,
E che tutta la Siria volse in disfatta,
Babilonia ed anche l’intera Charsiana,
E quindi l’Armenia, poi la Cappadocia
E il paese d’Amorio e quello d’Iconio,
E ancora la celebre e grande fortezza,
La rocca possente e ben fortificata,
Ancira io intendo e la terra di Smirne,
E poi sottomise le zone costiere.
A te adesso narro delle sue imprese,
Che egli compì, nella vita terrena,
Come forti e valenti uomini d’arme
Egli annichilì, ogni sorta di fiera :
Come aiuto aveva la grazia di Dio,
E della Teotokos che mai fu sconfitta,
E la grazia degli angeli e degli arcangeli,
Dei martiri grandi che portan vittoria…
Demetrio il gloriosissimo, il protettore
Di Basilio, di cui fu gloria e fu orgoglio,
Di lui che sempre riportò la vittoria
Sugli avversari

 

Auteur : Paolo Odorico

Compositeur : Patrizia Gattaceca

 

2-L’Emiru ( Italien/Corse)
 

Era riccu cusì dicianu, trà i nobili un emiru
Di saviezza duttatu è di grande ardimentu
Era biondu è ben fattu
È spuntava a barba sottu à u mentu
Ricca è bella.
I sopracigli folti parianu intricciati
U so sguardu in mezu à u visu spuntava
Cum’è una rosula…
L’emiru era un dipintu, superbu pè a
ricchezza
È a so forza immensa da nimu fù vinta
S’allenava ogni ghjornu
Stupia u so curaggiu in a caccia à e fiere
Più feroce.
I sopracigli folti parianu intricciati
U so sguardu in mezu à u visu spuntava
Cum’è una rosula…
Amiratu da tutti era colmu d’amore
Cù l’andatura altiera è u gestu agarbatu…

 

Auteur-Compositeur : Patrizia Gattaceca

 

3- E prudezze di l'Akrita (Corse)
 

U cavallu svulazzava allegru,
Cù e quattru zampe aghjunte in un solu
puntu
Paria propiu un ingannu, chì si stava cusì
fermu
Eccu lu à picculi passi è saltichjendu
U so trottu era un volu à rasu di a terra.
Un surrisu dicia u piacè di l’emiru
Po d’un colpu di sprone ne pigliò pè u
campu
Mughjendu cum’è un acula, fischendu
cum’è un dragu
rughjendu cume un lione pè vince a battaglia
È issa lotta durò o cari più ch’è più.
Quellu rese i colpi di pettu senza tricà
Incrucionu e lancie tramindui accaniti
Senza pudè turbà l’arditezza d’ognunu
Tandu dopu à e sciabule ne ghjunsenu
à e mani.
È issa lotta durò o cari più ch’è più
L’ecu di e muntagne, u ribombu di e sarre
Dicianu u sangue chì bagnava a terra…

 

Auteur-Compositeur : Patrizia Gattaceca

 

3-Il Desiderio ( Italien)
 

Io subito vi ricordo che cosa è il desiderio :
Questo infatti è la radice, principio dell’amore,
Da cui genera l’affetto ; poi nasce la passione,
Che crescendo a poco a poco produce un tale frutto :
Apprensioni senza sosta e timore ed affanni
E pericoli infiniti, distacco dai parenti.
La gioventù quando è in fiore, sa scompigliare i cuori
E di ciò che mai fu osato ogni cosa osa fare
Sa arrivare fino al mare, per nulla teme il fuoco ;
La passione, se è ben salda, non tiene in alcun conto
Né i dragoni né i leoni né tutte le altre fiere,
E ai briganti temerari non concede importanza ;
Per lei le notti son giorni e son campi le gole
Vicino quel ch’è lontano, e la veglia è riposo ;
In molti hanno rinnegato la fede per passione…
Io subito vi ricordo che cosa è il desiderio :
Questo infatti è la radice, principio dell’amore,
Da cui genera l’affetto ; poi nasce la passione,
Che crescendo a poco a poco produce un tale frutto.

 

Auteur : Paolo Odorico

Compositeur : Patrizia Gattaceca

 

5-U lamentu di a mamma (Corse)
 

Pietà Figlioli amati
Sentite u mio lamentu
Scrivu à voi stu fogliu
L’anima addulurata
Quantu hè inghjusta la sorte
È maladetta l’ora…
S’ hè spentu lu mio sole
È mughja a rivolta
Fiore di giuventù
D’una bellezza rara
Surella cusì dolce
Figliola tantu cara…
Cundannata senz’altru
À un esiliu amaru
Da i pagani infami
Purtata in schjavitù
Liberate o figlioli
E mamma è surella…
Di u sangue è l’affettu
Mai ùn vi scurdate
Finu à u postu nemicu
Andate è cavalcate
Vultate cù u fiore
Di a nostra dimora…

 

Auteur-Compositeur : Patrizia Gattaceca

 

6- L’Amore (Corse)
 

U to visu cum’è un focu
Arse in l’anima mea
Scumbugliendu a ragione
U mo pensamentu tuttu
Fece schjavu u mo senu
Solu per tè u mo amatu
Fece schjavu u mo senu
Solu per tè u m’amore
Oghje vogliu cun tè vene
Abandunà a mio vita
Parenti fratelli amichi
È le mio ricchezze tutte
Per esse toia oramai
Cun Diu da testimone.
À i brasgi di l’amore
Ti sì spostu caru meiu
Prontu à more è à tumbà
à luttà senza timore
Ch’ellu ùn mi sia cuncessu
Di l’assenza u dulore.

 

Auteur-Compositeur : Patrizia Gattaceca

 

7- L'accunsentu (Corse)
 

Si pesa un frombu al di là di a serra
À galoppu sò mille cavalieri
S’appronta a battaglia trà l’omi più fieri
È ne trema a terra…
Sprona u to cavallu è salva u nostru anellu
Disse a giuvanotta
Ma cuncedimi solu ch’elli trovinu agrottu
I mo cari fratelli.
U sole ciotta in u s’avvampu
A luce s’ingutuppa l’ora
Accumbracciati sò l’amanti…
À chì l’hà vistu fà ne sia testimone
In a battaglia solu si lampò
Impettendu mille omi u signore valente
Di spada i tumbò.
I fratelli accaniti prestu sò scavalcati
Senza viulenza alcuna
È da a serra tandu u babbu s’incamina
Sottu à un fasciu di luna.
U sole ciotta in u s’avvampu
A luce s’ingutuppa l’ora
Accumbracciati sò l’amanti
Arde l’amore.
Palisendu senz’altru u s’amore rimitu
Basiliu s’indinochja cun rispettu
U nobile strategu accunsente à a pace
Da fà ne spusaliziu.

 

Auteur-Compositeur : Patrizia Gattaceca

 

8- Le nozze ( Italien)                              

I timpani suonavano, squillavano le trombe
Echeggiavan gli strumenti ed era tutto un coro :
Emettevano le cetre e ogni strumento un suono.
Rientrarono senza indugio tra i canti alla dimora.
Chi potrebbe mai esprimere o solo raccontare
L’allegrezza senza limiti che ci fu in quel momento?
Pareva che anche la terra sulla quale incedevano,
Anch’essa fosse contenta del calpestio di tutti !
Chi si trova presente a quella immensa gioia
Diventa altra persona per la grande allegria.
Le montagne sobbalzavano, danzavano le pietre
E zampillavano i fiumi e gioivano gli alberi,
Riluceva tutta l’aria in quella contentezza.
Quando stavano per giungere ormai alla dimora
Di donne un immensa folla va a far loro accoglienza
La moglie del stratego va a ricevere i giovani,
E v’è con lei dell’Akrita la dolcissima madre,
Alcune avevano fiori, rose e rami di mirto,
Profumando tutta l’aria con aromi d’incenso ;
Percuotevano i cimbali mentre cantavano
Un canto dolce,
Il suolo era ricoperto e di mirto e d’alloro
Di molti fiori odorosi, di rose e di narcisi.
La suocera con affetto abbracciava la nuora
E i suoi splendidi lavori con il cuore le offriva :
Senza fine era il piacere, massima la delizia…

 

Auteur : Paolo Odorico

Compositeur : Patrizia Gattaceca

 
9- U giardinu (Corse & Italien)

 

Maghju si spanna
l’Akrita cù a sposa in un locu d’incantu
Sponenu a so tenda
Alloghju chetu
À l’intornu sò piante è muschi generosi
È canne chì s’innalzanu
Prati russicci
Sottu à a luce corre un’acqua linda è fresca…
Se qualcun volesse dire qual è il re dei mesi,
È maggio che regnerebbe
È lui della terra il più dolce ornamento
Lo splendore dei fiori …
Maghju chì inganna
Afrotite ci và sparghjendu lu s’amore
Ogni cuntornu canta
Allopiu dolce
Maghju appronta a terre à imità u celu
In i so panni d’oru
L’acelli tutti cappianu mille canti
In u boscu frascutu
In mezu à stu giardinu cumu si pò discrive
Di a nobile sposa a bellezza infinita
E so labbre di rosula è a so fronte altiera
I so ricciuli folti è a so grazia immensa
Se qualcun volesse dire qual è il re dei mesi,
È maggio che regnerebbe
È lui della terra il più dolce ornamento
Lo splendore dei fiori…

Auteurs : Paolo Odorico & Patrizia Gattaceca

Compositeurs : Patrizia Gattaceca

 
10- U Castellu (Corse)
 

Basiliu u magnificu u Digenis Akrita
Rampale deliziosu di i Capadoci
Curona di u valore è capu curaggiosu
U so castellu fece in a valle d’Eufrate …
Hè quessu u fiume trà i fiumi più bellu
Chì piglia a so fonte in un locu incantatu
Chetu, colmu à prufumi è frescu
Risplendenu giardini
E piante festighjendu scioglienu e so chjome
È fiuriscenu rami intricciati
Ci pendenu i frutti è i fiori miraculi
Rosule purpurine, narcisi cum’è u latte
Viole cum’è u mare, acelli splendurenti
Fiscanu meludie Paoni , pappagalli
Empiendu i circondi di u so cantu
giucondu…
À mezu à issu fascinu ne spunta un castellu
Da i suffitti ornati à mosaiche ricche
Culori bracanati è dolci
Marmari luccichenti
È da i pavimenti di petre luminose
Nantu à trè piani alti
Risplende u decoru
U tettu opera d’arte
Hè fattu tuttu d’oru …

 

Auteur-Compositeur : Patrizia Gattaceca

 

 

11-A morte di l’Akrita (Corse)
 

Tuttu ciò ch’hè bellu in issu mondu vanu
L’Ade u cunsuma, u piglia Caronte
Sognu chì svanisce ombra fughjiconi.
U lussu di a vita cum’è fume vola
A morte spiumbò u splendidu Akrita.
Nobili è magiurenti, i parenti è l’amichi
Funu invitati tutti à visità l’Akrita
Ebbenu cum’è alloghju bellissime dimore
Stupiti eranu tutti da u giovanu signore.
Da onora i soi l’Akrita generosu
Fece appruntà un bagnu in mezu à u giardinu
Ognunu si lavò gudendu di a stonda
Tandu sentì l’Akrita un tremendu dulore.
Era ghjunta a fine
Chjamò a a sposa fida :
Posa vicinu à mè luce di l’ochji mei
Di più ch’è u t’amore nunda mi fù beneficu
Ormai mi ne vò ma senti e mo parolle
Ùn ti lascià seduce da richezza o da gloria…
Cusì andò l’Akrita …

 

Auteur-Compositeur : Patrizia Gattaceca

12- Che io muoia (Italien)
 

Che io muoia prima di lui e che mi lasci
l’anima
Che io non lo veda disteso e morto senza
voce,
Che non veda le sue mani belle, adatte a
prodezze,
Legate in forma di croce, e i suoi occhi
serrati
Concedimi che io non veda questa imagine,
tu mio Iddio
Mio fattore a cui tutto è possibile in questo
mondo
O Dio a te sia gloria tu che tutto disponi :
Che io nell’anima non regga un peso insopportabile.
Cusì ne fù la fine di dui innamurati
À tempu si n’andonu è corse a vuciata
Trà gemiti è suspiri, trà gemiti è suspiri …
Ghjunsenu da l’oriente i più grandi signori
Capadoci è karsiani, Tarsiti è Mavroniti
Di Bagdad è d’Emet
Di a grande Babilonia è di tanti paesi…
Quale ne pò cuntà a somma di dulore
Sparta in i lamenti di l’omi scunsulati
Quale pò dì i pianti di tante donne afflitte
Di giovani venuti à ludà u valore …
Sepolti sò l’amanti pè seculi è seculi
Chì mai anu fine…
Che io muoia prima di lui e che mi lasci
l’anima
Che io non lo veda disteso e morto senza
voce
Che non veda le sue mani belle, adatte a
prodezze,
Legate in forma di croce, e i suoi occhi
serrati.
Concedimi che io non veda questa imagine,
tu mio iddio
Mio fattore a cui tutto è possibile in questo
mondo
O Dio a te sia gloria tu che tutto disponi :
Che io nell’anima non regga un peso insopportabile.

 

Auteur : Paolo Odorico

Compositeur : Patrizia Gattaceca

 

Page mise à jour le 30/03/2021 par BENJAMIN BOURGEOIS